L’Italia ha violato la libera navigazione in internet?
pubblicata: venerd́ 27 ottobre 2006

I Monopoli di Stato, su mandato della legge finanziaria, hanno imposto filtri web per impedire agli italiani l’accesso a 364 siti internet. I siti interessati sono relativi a bookmaker e società di scommesse e la decisione nasce dalla volontà di impedire ai gestori di questi siti di incamerare soldi senza autorizzazione dai Monopoli. La Commisione Europea ha quindi aperto una procedura di infrazione contro il nostro paese (insieme ad Austria e Francia) ed entro fine anno si saprà se la decisione è stata legittima.